Ottimizzare articoli SEO: mini-guida ai contenuti SEO

    ottimizzare

    Abbiamo già più volte parlato, in questa sede, dell’importanza dell’ottimizzazione SEO di un sito web. Ma come si fa ad ottimizzare gli articoli SEOnella pratica?

    Esistono numerose regole che vanno rispettate quando si devono ottimizzare contenuti SEO, regole che devono essere necessariamente tenute in considerazione se il tuo scopo è quello di migliorare il posizionamento del tuo blog o del tuo sito web sui motori di ricerca.

    Gli articoli SEO, comunque, non devono essere pensati solamente in ottica dell’ottimizzazione SEO tecnica: i tuoi contenuti SEO, una volta ottenuto un buon posizionamento, verranno letti da persone in carne ed ossa. Bisogna dunque coniugare le regole della SEO con una scrittura user-friendly, anche perché sempre più spesso i motori di ricerca tendono a premiare i contenuti utili per gli utenti, e non quei contenuti SEO di blog o siti web perfettamente ottimizzati a livello tecnico, ma che non offrono valore all’utente.

    Scrivere un articolo ottimizzato, significa curare la SEO on page: quel ramo della SEO che riguarda la produzione di contenuti ottimizzati, al fine di migliorare il posizionamento.

    L’ottimizzazione SEO on page di un articolo SEO prevede la cura di tutta una serie di elementi: analizziamoli.

    Parole chiave, title e meta description

    Quando vuoi ottimizzare degli articoli SEO o un qualsiasi contenuto SEO, devi innanzitutto partire dalle parole chiave, che sono alla base di un buon posizionamento su motori di ricerca.

    Sono infatti le parole chiave che indirizzeranno il traffico al tuo sito o al tuo blog, e per questa ragione vanno sapientemente aggiunte al corpo del tuo articolo SEO. Tra le parole chiave, è importante individuare quella primaria, che va inserita nel title: altro elemento fondamentale da ottimizzare. Il title è il titolo dell’articolo, il primo elemento del testo che i motori di ricerca (ma anche i lettori) analizzano.

    Se sceglierai le parole chiave giuste da inserire nel tuo title, il ranking ne risentirà positivamente, e i tuoi lettori troveranno un argomento pertinente con la query da loro digitata: in questo modo aumenterà il tempo di permanenza al tuo sito e, di conseguenza, verrai ulteriormente premiato dal motore di ricerca.

    Ricorda: il title deve contenere almeno una parola chiave primaria, se possibile posta all'inizio del titolo stesso.

    Le parole chiave vanno inserite anche all’interno della meta description, altro elemento da ottimizzare se vuoi scrivere contenuti SEO perfetti. Si tratta di una breve descrizione (di massimo 160 caratteri), che deve riassumere il contenuto SEO che gli utenti si troveranno davanti una volta che avranno fatto click sul link.

    Non bisogna poi dimenticare di ottimizzare anche lo slug, cioè la parte dell’URL che identifica un determinato articolo su un sito web o blog. Anche lo slug deve contenere la parola chiave primaria, per facilitare ai lettori ed al motore di ricerca la comprensione della tematica trattata dal contenuto SEO.

    Utile ottimizzare anche: tag di intestazione, attributo alt e link in uscita

    Altri elementi della SEO on page che devi assolutamente ottimizzare quando scrivi degli articoli SEO sono i tag di intestazione e il tag alt.

    I tag di intestazione sono gli elementi deputati a suddividere il testo in paragrafi, come i classici sottotitoli o titoli di paragrafo: servono a guidare il visitatore nella lettura dei contenuti SEO, oltre che a garantire un miglior ranking se al loro interno vengono inserite le parole chiave scelte.

    Oltre al tag di intestazione, anche le anche le immagini sono influenzate dalle regole dell’ottimizzazione SEO. Le immagini di un articolo SEO, infatti, potrebbero finire sui risultati di Google Immagini, a patto di essere correttamente ottimizzate a livello del loro tag alt, che è la parte di codice HTML aggiunta per descrivere il contenuto dell’immagine. Se arricchito con le parole chiave, anche l’attributo alt aiuterà nel posizionamento.

    Ricorda, infine, che i link in uscita, se indirizzano a siti web autorevoli, possono migliorare il ranking del tuo articolo SEO.

    Adesso che sai come ottimizzare articoli SEO, se vuoi approfondire le tue conoscenze sul mondo dell’ottimizzazione SEO, leggi l’articolo su Keyword Research: come funziona la ricerca parole chiave!

    Copyright © 2019 Gruppo DiGi - Venduto e distribuito da PPM3

    Privacy Policy Cookie Policy

    Articoli Seo